Home » Cosa vedere a Bergamo

Cosa vedere a Bergamo

Bergamo è, senza alcun dubbio, una delle città più importanti nel Nord Italia. Sono numerosissime le bellezze che possono essere osservate e visitate all’interno della città, che ha ottenuto un rilievo internazionale non soltanto per i fatti di cronaca che l’hanno interessata, ma anche per il pregio di un team come l’Atalanta che ha ottenuto grandi consensi anche all’esterno della realtà italiana. Al fine di prendere in considerazione quali siano i prodigi della città italiana, vale la pena sottolineare cosa vedere a Bergamo.

Piazza Vecchia a Bergamo

Prima tra le attrazioni più belle che possono essere visitate all’interno della città di Bergamo è la Piazza Vecchia della città, che ospita una serie di bellezze e di attrazioni di grandissimo valore, relative soprattutto a una testimonianza di valore culturale e museale. Allo stesso tempo, la piazza spicca per un pregio particolarmente importante e rappresentativo, determinato dalla nomina di una delle piazze più belle d’Italia avvenuta niente meno che da Le Corbusier. Da osservare, assolutamente, è la fontana ispirata all’arte veneziana presente all’interno della piazza.

Basilica di Santa Maria Maggiore

Per quanto non si tratti del simbolo religioso più rappresentativo della città, la Basilica di Santa Maria Maggiore è diventata molto amata e conosciuta tra il popolo bergamasco, soprattutto in virtù della sua costruzione ottenuta per un voto contro la peste voluto dai cittadini di Bergamo nella prima metà del 1100. La Basilica è caratterizzata dalla mancanza di un portone d’ingresso principale, condensato da quattro accessi laterali.

Cappella Corleoni

Ultima tra le opere che possono essere osservate a Bergamo, nonché uno degli esempi più importanti di arte Rinascimentale presenti all’interno del territorio, è rappresentato dalla celebre Cappella Corleoni, voluta per la sepoltura di Bartolomeo Colleoni, capitao di ventura, che ha lavorato nella maggior parte dei suoi anni al servizio di Venezia.

Alessandra Turru

Torna in alto